Borsa Milano prosegue in calo, banche deboli, brilla Finmeccanica

venerdì 13 aprile 2012 12:40
 

MILANO, 13 aprile (Reuters) - A metà seduta Piazza Affari resta in deciso calo, zavorrata dai titoli bancari.

Come già successo nelle passate sedute, gli indici italiano e spagnolo sono tra i peggiori d'Europa, con perdite più che doppie rispetto a quella del bencmark europeo FTSEurofirst (-0,7%), segnale del ritorno dei timori sui paesi "periferici" della zona euro.

Intorno alle 12,30 l'indice FTSE Mib cede l'1,49%, mentre l'Allshare l'1,37%. Volumi per un controvalore di 750 milioni di euro circa.

Il futures sul FTSE Mib cede l'1,5%. Negativi anche i derivati sugli indici di Wall Street.

* Pesanti tutti i titoli bancari, con UNICREDIT e INTESA SP che perdono quasi il 3%. POP MILANO , BANCO POPOLARE e POP EMILIA cedono circa il 3,5%. Lo stoxx europeo di settore cede l'1,3%.

* In controtendenza FINMECCANICA, che guadagna quasi il 5% sulle indiscrezioni stampa che parlano di trattative ormai in fase finale per la cessione di Ansaldo Breda a Hitachi. Secondo lo stesso quotidiano, Hitachi rileverebbe da Finmeccanica anche il 29% di ANSALDO, che sale del 2,6%.

* In deciso rialzo PREMAFIN (+9,5%) e la controllata FONDIARIA SAI (+1,6%). Equita Sim alza le stime sull'utile della compagnia assicurativa per riflettere il nuovo scenario sui tassi e rivede al rialzo il target price delle azioni ordinarie e risparmio. Stesso ragionamento per MILANO ASSICURAZIONI, che sale dell'1,4%. Il broker rivede al rialzo il target price anche delle azioni ordinarie e privilegiate UNIPOL.

Tra i titoli a minore capitalizzazione PRAMAC è in asta di volatilità con un ribasso teorico del 15,4%. Il gruppo ha chiuso il 2011 con una perdita di 94,2 milioni e un patrimonio netto negativo per 71 milioni. La società ritiene che, nonostante sussistano "incertezze molto rilevanti", ci siano i presupposti di continuità aziendale e ha convocato un'assemblea straordinaria per l'approvazione dei provvedimenti previsti dall'articolo 2447 del codice civile.

  Continua...