Borsa Milano prosegue rimbalzo, tonici bancari, giù Saipem, Telecom

venerdì 8 febbraio 2013 12:44
 

MILANO, 8 febbraio (Reuters) - Piazza Affari rimbalza dopo il calo di ieri seguito al tracollo di Eni. I listini milanesi si muovono in tandem con le altre borse europee, aiutati anche dalle buone performance dei bancari nazionali.

"La seduta si prospetta tranquilla, con le banche che recuperano grazie al miglioramento dello spread. In generale i volumi appaiono contenuti, eccezion fatta per quei titoli interessati dai temi caldi come Telecom, Saipem ed Mps" commenta un trader.

La fiducia prende dunque il posto dell'incertezza che ha permeato i listini ieri, quando la borsa milanese è stata "presa in contropiede dalle notizie negative su un titolo pesante come quello di Eni. Gli indici hanno comunque tenuto il livello chiave dei 16.400, il che ha aiutato il rimbalzo odierno" aggiunge l'operatore.

Sul fronte macro, il differenziale tra Btp e Bund tedeschi si restringe stamane a quota 293, dopo un'apertura sopra i 300 punti base, favorendo i bancari.

Attorno alle 12,40 l'indice FTSE Mib guadagna l'1% a 16.550 punti circa, in linea con i rialzi dell'Allshare . Positivo anche il derivato. I volumi hanno raggiunto un controvalore di 1,1 miliardi di euro. Il benchmark europeo FTSEurofirst sale dello 0,66%.

* I bancari sono in denaro, guidati da MEDIOBANCA che avanza di oltre tre punti, seguita da POP MILANO, UBI e UNICREDIT. Più debole INTESA SP .

Prosegue tonica anche MPS, in rialzo del 2,2%. "I rialzi del titolo sono tuttavia più contenuti dei giorni scorsi. Sembra dunque che Mps si stia stabilizzando" nota un trader. Ieri il management della banca ha cercato di rassicurare il mercato sull'assenza di altre operazioni finanziarie rischiose. L'agenzia di rating canadese Dbrs ha confermato oggi i giudizi attribuiti il mese scorso a Mps.

* ENI muove in territorio positivo dopo il crollo del 4,6% di ieri in scia alla notizia delle indagini sull'AD Paolo Scaroni per ipotesi di reato di corruzione nell'ambito di un'inchiesta sulle attività Saipem in Algeria. "L'impatto per Eni dal punto di vista economico non è particolarmente rilevante, ma dal punto di vista reputazionale la notizia è sicuramente negativa" riferisce un broker.

* Più pesante SAIPEM (-1,7%), che lascia sul campo circa due punti percentuali su una serie di prese di profitto, in scia a manovre di day trading e in vista dell'arrivo del week end, riferiscono i trader. Non incidono positivamente sull'andamento borsistico i commenti di alcuni analisti, all'indomani della conference call con il management.   Continua...