Borsa Milano prosegue debole, giù Mps e Banco Popolare, bene Pirelli

mercoledì 28 novembre 2012 12:38
 

MILANO, 28 novembre (Reuters) - Piazza Affari arriva a fine mattinata confermando il tono moderatamente debole dell'avvio, in sintonia con le altre borse europee su cui tornano a farsi sentire i timori per il "fiscal cliff" statunitense dopo i commenti rilasciati dal leader della maggioranza al Senato Harry Reid sull'assenza di progressi nei colloqui sul cosiddetto "precipizio fiscale".

La borsa non sembra invece contagiata dal tono più disteso dell'obbligazionario, che vede il rendimento del Btp decennale in calo ai minimi da giugno dell'anno scorso. Nell'asta odierna di Bot a sei mesi, che ha registrato una domanda molto alta, per la prima volta da oltre due anni il rendimento si è attestato sotto la soglia dell'1%.

"Oggi c'è la buona notizia del rendimento del decennale che torna ai livelli di giugno 2011, ma sulla borsa non si sente, in generale resta un periodo di pochi volumi con prevalenza di vendite", commenta un trader.

Intorno alle 12,20 l'indice FTSE Mib cede lo 0,39% e l'Allshare lo 0,32%. Il futures sul FTSE Mib tratta in area 15.400-450. I volumi non raggiungono il mezzo miliardo di euro.

Il benchmark europeo FtsEurofirst 300 arretra dello 0,18% e anche i futures sugli indici Usa si muovono in modesto calo.

* BANCO POPOLARE lascia sul terreno il 4,6% dopo che ieri sera Moody's ha posto in revisione i rating per un possibile downgrade.

* Venduta anche MPS con un calo del 2,8%. Il Cda ha dato il via libera all'emissione dei cosiddetti Monti bond fino a 3,9 miliardi, valore superiore di 500 milioni rispetto a quanto precedentemente comunicato. L'incremento è legato a problemi di redditività del suo portafoglio finanziario strutturato, ha spiegato la banca.

* Generalmente deboli anche le altre banche, con le big INTESA SANPAOLO e UNICREDIT in discesa dello 0,8-1%, in un comparto che a livello europeo cede circa un punto percentuale.

* Sul fronte opposto PIRELLI sale del 2% con volumi che sono però piuttosto sottili. "Oggi non vedo novità, ieri c'erano indicazioni positive riguardo al mese di ottobre", dice un trader con riferimento ai dati sulle tendenze di mercato del mese scorso forniti da Pirelli, che gli analisti hanno valutato favorevolmente.   Continua...