PUNTO 1-Mps, oggi il cda saprà quanto perde per chiudere coi derivati

mercoledì 6 febbraio 2013 08:19
 

(Aggiorna con smentita fonte banca su notizia di perdita a 920 mln)

di Stefano Bernabei e Silvia Aloisi

SIENA, 6 febbraio (Reuters) - La banca Monte dei Paschi di Siena rivelerà oggi almeno 720 milioni di perdita per chiudere i tre prodotti strutturati costruiti tra il 2006 e il 2009 la cui reale portata negativa è venuta alla luce solo da pochi mesi ed è uno dei punti centrali dell'inchiesta giudiziaria contro i precedenti dirigenti dell'istituto.

"(L'AD Fabrizio) Viola vuole togliersi questo dente doloroso che è anche una zavorra sulla redditività e poi la partita con queste cose è chiusa", ha detto una fonte vicina a questo dossier.

La zavorra, come spiega la fonte, potrebbe alla fine pesare anche più dei 720 milioni inizialmente indicati da Viola in una relazione al consiglio lo scorso ottobre ed emersi in una intervista a gennaio.

Il Sole 24 Ore dettaglia oggi, senza citare la fonte, che la perdita sui tre prodotti strutturati ammonta a 920 milioni; 450 milioni per il contratto Santorini, 300 milioni per Alexandria e 170 milioni per Nota Italia. Il Sole dice anche che ci sarebbero 120 milioni di costi del personale non contabilizzati per un totale da correggere superiore a un miliardo.

Una fonte della banca ha negato la correttezza di queste cifre.

"Le cifre de Il Sole non sono corrette", ha detto la fonte.

Il presidente della banca Alessandro Profumo, intervistato ieri sera su La7, non ha dato numeri ma ha garantito che questa sera sarà tutto chiarito.   Continua...