RPT-PUNTO1 -Saipem, Fidelity scende a 1,93%, vende giorno dopo crollo

martedì 5 febbraio 2013 14:02
 

(Chiarisce tempi collocamento in quinto paragrafo)

* Fidelity aveva smentito di avere collocato 2,3% pre profit warning

* Consob ha avviato un indagine su placement per insider trading

* Chiesta collaborazione Fsa britannica

MILANO, 5 febbraio (Reuters) - Fil Limited è scesa all'1,935% del capitale di Saipem dal 2,641% che deteneva al 25 maggio 2012, effettuando l'operazione lo scorso 31 gennaio: quattro giorni dopo il collocamento del 2,3% del capitale della società di ingegneristica dell'Eni e il giorno seguente il crollo del 34% del titolo post annuncio choc sul drastico taglio delle stime di utili 2012 e 2013 da parte del managament.

La nuova percentuale è stata comunicato alla Consob che oggi ne ha dato notizia. Con la discesa di Fidelity sotto il 2% del capitale, l'unico azionista ad avere più del 2% in Saipem resta l'Eni con il 43% circa.

Fidelity, inizialmente indicata da alcuni trader come il venditore del pacchetto del 2,3% del capitale di Saipem nel corso del collocamento, aveva seccamente smentito qualunque coinvolgimento. Da quello che si evince oggi, dunque, la società di fondi Usa ha deciso di ridurre comunque la propria partecipazione in Saipem, nonostante la perdita di 10 euro del titolo registrata il giorno prima.

Da quando è stato rinnovato il management della società lo scorso 5 dicembre - a seguito dell'inchiesta avviata dalla procura di Milano con l'ipotesi di reato di corruzione in Algeria per alcuni contratti stipulati entro il 2009 - molti fondi hanno ridotto le loro partecipazioni nell'azionariato del gruppo perché temevano un impatto delle inchieste in corso sulla redditività del gruppo. A poco meno di due mesi dal suo insediamento, l'AD, Umberto Vergine, il 30 gennaio ha annunciato un forte ridimensionamento delle attese di utili per il 2012 e il 2013.

Annuncio giunto però proprio 24 ore dopo il collocamento del 2,3% del capitale curato da Bank of America Merril Lynch. Su questa procedura Consob ha avviato accertamenti per un sospetto di insider trading e ha chiesto la collaborazione alla Fsa britannica perché l'operazione è avvenuta a Londra.   Continua...