PUNTO 4-Generali, ok Cda a riassetto Italia, non ha parlato di PPF

venerdì 14 dicembre 2012 18:47
 

(Aggiorna con altri dettagli da Cda)

di Gianluca Semeraro

MILANO, 14 dicembre (Reuters) - Il Cda odierno di Generali ha dato l'ok al riassetto delle attività italiane, ha esaminato, come ogni fine anno, il budget 2013, mentre non ha discusso di Generali-PPF, la joint-venture con la ceca PPF, società dell'imprenditore Petr Kellner, attraverso la quale la compagnia triestina opera nel Centro-Est Europa. E' quanto riferisce una fonte vicina al consiglio.

Il tema era uno dei punti all'ordine del giorno della riunione odierna, hanno dichiarato in mattinata due fonti vicine alla situazione. In particolare era prevista una comunicazione del Ceo Mario Greco "in merito alla strategia di sviluppo nell'Europa centro-orientale" con la formula conclusiva su "eventuali deliberazioni conseguenti". Già in mattinata però una nota di Generali, in riferimento a indiscrezioni stampa sul tema, aveva escluso che il Cda avrebbe esaminato oggi delibere riguardanti Generali-PPF.

Una delle due fonti aveva spiegato che al Cda sarebbero state illustrate ipotesi "su come far uscire Kellner dalla joint-venture". L'obiettivo - secondo la fonte - è arrivare alla data del 14 gennaio, quando sarà illustrata la 'strategic review' della compagnia a Londra con una soluzione definita.

"Non si è parlato di Generali-PPF", dice la fonte vicina al consiglio.

PPF TEMA CALDO PER GRECO, ASSET APPETIBILE PER COMPAGNIA

La joint-venture tra Generali e il gruppo PPF è uno dei temi "caldi" sul tavolo di Greco. L'accordo scade a luglio 2014, ma Kellner ha in mano un'opzione put sulla sua quota che, in base agli accordi, potrebbe esercitare anticipatamente al verificarsi di alcuni avvenimenti.   Continua...