Monetario,o/n schiacciato da liquidità Bce,depositi vicini a record

mercoledì 7 marzo 2012 11:44
 

MILANO, 7 marzo(Reuters) - A una settimana dalla seconda operazione di finanziamento con cui la Bce ha iniettato nel sistema bancario europeo 530 miliardi di fondi a tre anni, il mercato interbancario registra livelli di attività minimi.

L'abbondante cuscinetto di liquidità fornito da Francoforte tiene il brevissimo schiacciato sullo 0,25% dei depositi overnight ma non circola come dovrebbe.

Nel dettaglio, alle 11,40 italiane l'overnight passa di mano a 0,20/0,30% su schermi Reuters e allo 0,24/0,27% su Mid, a fronte di un fixing Eonia ieri pomeriggio allo 0,342%.

Le banche in scia a quanto avviene ormai da mesi, sono restie a immettere la liquidità sul mercato e a fine giornata corrono a depositarla in Bce.

Così, pur essendo calati a ieri sera a 816,759 miliardi, i depositi overnight si tengono vicini ai livelli record toccati nella precedente seduta, ovvero 827,534 miliardi di euro.

In rialzo ma sempre su cifre non eccessive i prestiti marginali, portatisi ieri sera a a 2,193 miliardi dai 1,354 miliardi di euro della seduta precedente.

Anche questa mattina non si sono registrare richieste di fondi nell'asta Optes del Tesoro italiano con l'offerta di 5,830 miliardi al tasso minimo dello 0,35% mentre la Bce ha visto più che dimezzate le richieste di finanziamento settimanale in dollari rispetto alla settimana scorsa.

Nel p/t settimanale di oggi, infatti, sono stati assegnati a 7 banche 1,596 miliardi di dollari a fornte dei 3,464 in scadenza.

Sull'interbancario prosegue il trend di netta discesa dell'Euribor: il tasso a tre mesi è stato fissato stamane a 0,911%, nuovo minimo dal 30 settembre 2010, dallo 0,920% di ieri.   Continua...