Auto Europa, gennaio -8,5%, tiene marchio Fiat ma gruppo debole

martedì 19 febbraio 2013 10:51
 

MILANO (Reuters) - In un'Europa dell'auto ancora negativa, il marchio Fiat fa meglio del mercato, ma il gruppo nel suo complesso continua a segnare il passo.

Le immatricolazioni di auto in Europa (Ue27 + Efta) di gennaio sono calate dell'8,5% a 918.280 veicoli, secondo i dati dell'associazione dei produttori Acea.

Il gruppo Fiat ha registrato un ribasso del 12,4% a 61.010 veicoli; la sua quota di mercato è al 6,6%, dal 6% del dicembre 2012 e dal 6,9% del gennaio 2012.

Tra i principali mercati in Europa, la Germania segna un nuovo dato negativo dopo dicembre, con un -8,6%. Ancora penalizzate Italia (-17,6%), Francia (-15,1%), mentre il Regno Unito segna un rialzo dell'11,5%.

Secondo una nota Unrae, associazione dei produttori esteri, l'Italia è debole anche a causa della fase di "incertezza pre-elettorale".

Il marchio Volkswagen è in netto ribasso su anno (-12,2%) con una quota al 12,3%, dal 12% di dicembre 2012 e dal 12,8% di gennaio 2012.

Tra le case produttrici principali, con almeno l'1% del mercato, i segni positivi sono solo per: Bmw (+6,4%), Daimler (+3,7%), Kia (+7,7%) e Jaguar Land Rover (+20,6%).

Fiat in borsa è la peggiore del settore in Europa, con un ribasso dell'1,9% a 4,28 euro con scambi pari al 25% della media giornaliera. Secondo la nota del mattino di Icbpi, il rallentamento nel rinnovamento delle gamme dei marchi Fga (Fiat Group Automobiles) è destinato ad accentuare la debolezza prevista per il mercato europeo anche nel 2013.

MARCHIO FIAT AUMENTA QUOTA   Continua...

 
Un modello Fiat 500. REUTERS/Gary Cameron