Forex, ministro russo: testo G20 potrebbe variare da G7 ma avrà stesso intento

giovedì 14 febbraio 2013 19:34
 

MOSCA (Reuters) - I banchieri centrali e i ministri finanziari delle 20 principali economie mondiali, che s'incontreranno domani e sabato a Mosca, produrranno una dichiarazione che nella sostanza rispecchierà quanto già affermato sul tema delle fluttuazione dei tassi di cambio in sede di G7, anche se il testo finale potrebbe non essere identico.

Lo ha detto a Reuters il ministro delle Finanze russo Anton Siluanov.

"Il linguaggio potrebbe divergere (da quello del G7), ma l'intento resterà lo stesso", ha detto il ministro del paese ospitante, segnalando come siano in corso discussioni sul testo finale.

Nei giorni scorsi i Paesi del G7 hanno emesso una dichiarazione congiunta che ha riaffermato "l'impegno duraturo a tassi di cambio determinati dal mercato", ma la manifestazione di unità è stata presto compromessa dai commenti off-the-record dei funzionari, che hanno sottolineato gli accenti critici nei confronti del Giappone.

Il neo premier giapponese Shinzo Abe non ha mai fatto mistero di voler perseguire una politica ultraspansiva per sostenere l'economia del Paese ed uscire dalla deflazione.

Questo ha però condotto lo yen a un pesante deprezzamento nei confronti delle principali controparti, alimentando il nervosismo dei partner internazionali, preoccupati degli effetti di una 'guerra valutaria'.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia