Giappone, calo inatteso Pil in trim4, banca centrale resta ferma

giovedì 14 febbraio 2013 09:41
 

TOKYO (Reuters) - Contrazione inattesa nel quarto trimestre per l'economia giapponese, con la banca centrale del paese che lascia per ora immutata la propria politica monetaria.

Il Pil giapponese si è ridotto dello 0,1%, un dato in miglioramento dal -0,9% del trimestre precedente ma pur sempre la terza rilevazione consecutiva di contrazione: l'economia del paese resta dunque bloccata su un sentiero di moderata recessione, deludendo le attese di un recupero nei mesi finali del 2012.

Le previsioni, elaborate in un sondaggio Reuters, indicavano infatti un rimbalzo del Pil dello 0,1% nel quarto trimestre.

Sul fronte della politica monetaria, nulla di fatto oggi al termine della riunione periodica del board della Bank of Japan, che pure ha fornito un outlook in lieve miglioramento per l'economia del paese.

"L'economia del Giappone appare in uscita dal suo momento peggiore" ha spiegato la banca centrale, che un mese fa aveva invece parlato di economia in fase di indebolimento.

Il costo del denaro in Giappone è stato confermato all'unanimità tra zero e 0,1% e la BoJ ha evitato di estendere il proprio programma di acquisto asset e di crediti, anche se ci sono pochi dubbi sul fatto che il governo del premier Shinzo Abe continuerà ad esercitare pressioni sulla banca centrale per nuovi stimoli monetari.

Solo un mese fa la BoJ si era mossa nella direzione di un ulteriore allenamento della propria politica monetaria, raddoppiando peraltro il target di inflazione al 2%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia