Borsa Milano in rialzo con finanziari e auto, ma settimana negativa

venerdì 8 febbraio 2013 18:00
 

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia in rialzo una seduta caratterizzata da un rimbalzo generalizzato, particolarmente accentuato per i finanziari, ovvero il settore che ha maggiormente sofferto nelle ultime sedute.

La settimana, comunque, termina con un ribasso del 3,975%, effetto soprattutto del tracollo di lunedì 4 febbraio.

In chiusura, l'indice FTSE Mib ha guadagnato l'1,4%, l'AllShare è salito dell'1,35% e il MidCap dell'1,67%.

Volumi per un controvalore di circa 2,1 miliardi di euro.

* Rimbalzo convinto dei finanziari: il paniere delle banche italiane è avanzato del 2,91%. Toniche UNICREDIT (+3,4%) e INTESA SANPAOLO (+2,34%). Meglio UBI (+5,15%), MEDIOBANCA (+4,03%) e POPOLARE MILANO (+4,07%). In linea con il settore POPOLARE EMILIA ROMAGNA (+2,03%) e BANCO POPOLARE (+1,45%).

* MONTEPASCHI ha guadagnato l'1,38%: nel mezzo della bufera giudiziaria legata ai derivati e all'acquisizione di Antonveneta, l'istituto senese ha incassato la conferma del rating da parte di Dbrs.

* MEDIOLANUM (+2,35%) galvanizzata nella giornata in cui ha comunicato i risultati della raccolta di gennaio.

* In sintonia con il clima dei finanziari AZIMUT (+2,52%) e GENERALI (+2,15%).

* Contrastata la galassia Unipol FonSai. PREMAFIN è arretrata dell'1,57%. Vivaci FONDIARIA-SAI (+2,24%), UNIPOL (+2,16%) e MILANO ASSICURAZIONI (+2,64%).   Continua...

 
Un trader a lavoro nel corso di una seduta di borsa. REUTERS/Lisi Niesner