Saipem, lunga audizione vertici in Consob su profit warning

lunedì 4 febbraio 2013 17:11
 

MILANO (Reuters) - I vertici di Saipem sono stati a colloquio per oltre due ore, quest'oggi a Milano, con i tecnici dell'ufficio insider trading della Consob guidato da Giovanni Portioli.

Le uniche notizie filtrano da fonti vicine al dossier, dato che al termine nessuna dichiarazione è stata rilasciata nè da parte Consob nè da parte dell'AD Saipem, Umberto Vergine, e del direttore finanziario, Stefano Goberti.

L'audizione è stata chiesta dall'Ente di vigilanza sui mercati per avere chiarimenti, dai vertici della società di ingeneristica controllata da Eni, riguardo al drastico profit warning sugli utili 2012 e 2013 lanciato dal gruppo martedì scorso, a circa 24 ore di distanza dal collocamento del 2,3% del capitale della società, curato da Bank of America Merril Lynch per conto di un misterioso investitore.

Il titolo Saipem, il giorno dopo l'allarme profitti, ha perso il 34% fra scambi vorticosi in un mercato turbato per il giallo del collocamento a ridosso dell'annuncio. I tecnici della Consob intendono vederci più chiaro su come si è arrivati all'allarme profitti a poco ore dal placement, secondo una delle fonti. In un'intervista al Corriere della Sera sabato scorso, Vergine ha detto che i vertici del gruppo non sono stati avvisati da Merrill Lynch del collocamento e di averlo appreso "dalle agenzie di stampa mentre era in corso".

Inoltre, relativamente alla tempistica del profit warning, il manager ha sottolineato nell'intervista che "mercoledì scorso il Cda ha esaminato e approvato il budget, le informazioni contenute in quel documento ero tenuto a comunicarle tempestivamente al mercato, che però ha letto male la rappresentazione che abbiamo fatto sulle prospettive per il 2013 e 2014 e ha reagito in quel modo".

Oggi il titolo balza di oltre il 2% a 20,58 euro, in un mercato molto negativo, ma sempre sotto di oltre 10 euro rispetto al prezzo del collocamento di lunedì scorso a 30,65 euro per azione. Un crollo che ha fatto infuriare i sottoscrittori delle azioni durante il placement, visto che nel giro di 24 ore il valore del titolo si è ridotto di un terzo e che potrebbe aprire la strada ad azioni legali. Ma a restare con il cerino in mano sono stati anche gli ignari investitori che sono entrati sul titolo prima dell'annuncio.

Stamani, davanti la sede della Consob a Milano, attirato dalla presenza dei giornalisti, si è presentato un signore che ha detto di avere comprato alcuni titoli Saipem proprio martedì scorso, giorno del profit warning, pagandoli 30 euro. "Che cosa posso fare adesso? Devo recarmi dalla mia banca? La realtà è che sono un ingegnuo e ci sono cascato in pieno", ha detto sconsolato.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
La piattaforma petrolifera di Saipem sotto il ponte del Bosforo a Istanbul. REUTERS PICTURE