Banche italiane non preoccupate per futuri stress test - Sabatini

venerdì 1 febbraio 2013 12:43
 

MILANO (Reuters) - Le banche italiane non sono preoccupate per eventuali prossimi "stress test", quello che sarebbe auspicabile invece è che ci possa essere in futuro una armonizzazione delle regole all'interno della zona euro.

Lo ha detto Giovanni Sabatini, direttore generale Abi, a margine di un convegno sul sistema dei pagamenti a Milano.

"Faremo anche altri stress test: come abbiamo superato i precedenti supereremo anche quelli futuri", ha detto Sabatini facendo riferimento alle dichiarazioni di Andrea Enria di ieri.

Il presidente dell'Eba ha detto ieri che l'autorità bancaria europea sta discutendo di nuovi "stress test", verifica della capacità di tenuta patrimoniale degli istituti di credito in situazioni di crisi, a livello europeo nel 2013.

"Il problema è però che c'è una grande frammentazione all'interno della zona euro delle regole che vengono applicate negli stessi stress test e quindi è assolutamente auspicabile che si trovi una armonizzazione a livello europeo", ha aggiunto Sabatini.

Il direttore generale dell'Abi ha spiegato che in Italia ci sono "regole molto stringenti e discipline molto chiare".

"Per noi, per esempio, i crediti deteriorati sono ben delineati e classificati. In nessun altro paese europeo c'è (lo stesso). Solo la Spagna sta iniziando, dopo tutto quello che è successo", ha detto.

In altre parole "le nostre regole non sono le stesse che si trovano in altri paesi e addirittura nemmeno tra banche di uno stesso paese", ha detto ancora Sabatini.

Di consueguenza, in un simile contesto, gli stress test "non sono paragonabili tra loro" e quindi finisconono per avere "una ridotta capacità informativa e non sono utili ai fini della comparazione. C'è disomogeneità di fondo".

Sabatini ha infine detto che l'Abi ha dato mandato a Price Water House Cooper di stilare un rapporto che verrà presentato al Fmi e all'Eba per superare le diversità dell'analisi finanziaria.

(Gabriella Bruschi) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia