Mps, Grilli: con conversione bond in azioni Tesoro salirebbe a 82%

martedì 29 gennaio 2013 15:33
 

ROMA (Reuters) - Se il Tesoro dovesse convertire in azioni della banca i bond che sta per sottoscrivere della Banca Mps, ai valori di borsa di fine settembre, si troverebbe con una quota della banca pari all'82%, con la partecipazione degli attuali azionisti che si vedrebbe diluita sotto il 20% complessivamente.

Lo ha detto il ministro del Tesoro Vittorio Grilli nel corso della audizione presso la commissione Finanze della Camera sulla vicenda Mps.

"L'esito della eventuale conversione sarebbe che la quota del Mef salirebbe, ai valori di borsa di fine settembre, a circa l'82% del capitale mentre sarebbe diluita sotto il 20% quella degli attuali azionisti", ha detto Grilli spiegando il meccanismo di remunerazione della sottoscrizione per 3,9 miliardi da parte del Tesoro dei nuovi strumenti finanziari emessi dalla banca senese.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia