Btp migliorano in chiusura, Bund corregge dopo dati Usa

giovedì 24 gennaio 2013 17:48
 

MILANO (Reuters) - Migliori delle attese, le ultime statistiche Usa relative al leading indicator di dicembre ma soprattutto al settore manifatturiero di gennaio favoriscono nel pomeriggio un ritorno all'orientamento 'risk on' e una correzione dei governativi tedeschi.

Ne trae beneficio il secondario dei Btp, tornando ad accorciare le distanze sulla controparte Bund con lo spread tra decennali che si sgonfia di una manciata di centesimi fino a tornare su piattaforma TradeWeb in area 265 punti base.

Secondo la stima preliminare a cura di Markit, l'indice Pmi sullo stato di salute del manifatturiero Usa è balzato a gennaio a 56,1, oltre tre punti meglio di dicembre e sui massimi da quasi due anni.

"Dopo l'analoga indagine europea anche i numeri Usa hanno sorpreso in positivo i mercati dando il via a realizzi sui titoli rifugio per eccellenza come Treasuries e Bund" sintetizza un trader.

Insieme al resto dei periferici, i governativi italiani cavalcano l'onda approfittando della correzione del mercato tedesco. Non sembrano così esercitare eccessiva pressione sui prezzi gli appuntamenti della prossima settimana con le aste di fine mese, di cui il Tesoro va via via illustrando i dettagli.