Ue, ministri Finanze autorizzano Tobin Tax in 11 paesi

martedì 22 gennaio 2013 14:43
 

BRUXELLES (Reuters) - Undici paesi europei, compresa l'Italia, hanno ricevuto oggi il via libera a implementare un tassa sulle transazioni finanziarie nonostante le riserve di centri finanziari come Londra e il Lussemburgo.

I ministri delle Finanze dell'Unione Europea hanno votato a favore in occasione di una riunione a Bruxelles, autorizzando l'introduzione dell'imposta sul trading, conosciuta anche come 'Tobin Tax', in Germania, Francia, Italia, Spagna, Austria, Portogallo, Belgio, Estonia, Grecia, Slovacchia e Slovenia. Gran Bretagna, Lussemburgo, Repubblica Ceca e Malta si sono astenute.

In base alle regole della Ue, un minimo di nove paesi può collaborare alla messa a punto di una legge avvalendosi di un processo chiamato di "cooperazione rafforzata" fintanto che sia stato autorizzato dalla maggioranza dei 17 paesi dell'Ue.

In seguito alla decisione presa oggi la Commissione Europea può avanzare una nuova proposta per la tassa. Se i paesi coinvolti concordano sulla proposta, l'imposta può entrare in vigore entro alcuni mesi. Secondo il commissario Ue incaricato della politica fiscale Algirdas Semeta, la cosiddetta "Tobin Tax" potrebbe essere introdotta dal primo di gennaio 2014.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia