Borse Asia Pacifico in netto rialzo su dati Cina, Usa e calo yen

venerdì 18 gennaio 2013 09:01
 

TOKYO (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono in netto rialzo, grazie ai dati incoraggianti che provengono da Stati Uniti e Cina, migliorando così le prospettive per l'economia globale, mentre lo yen tocca nuovi minimi in vista della riunione della Banca del Giappone la prossima settimana.

L'ecnomia cinese è cresciuta del 7,9% nel quarto trimestre 2012 rispetto all'anno precedente, rafforzandosi se confrontata al dato del terzo trimestre di un +7,4%.

Intorno alle 8,20 italiane l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico sale dello 0,78% circa. Il Nikkei, non compreso nell'indice, ha chiuso sui massimi da 22 mesi in crescita del 2,9% trainata dal denaro piovuto soprattutto sui titoli delle società più export oriented.

Chiusura sui massimi da 19 mesi e mezzo per HONG KONG, mentre SHANGHAI chiude in netto rialzo dopo tre sedute negative consecutive.

Poco mossa, invece, SINGAPORE che risente comunque in positivo del dato cinese che ha fatto migliorare la fiducia degli investitori verso la seconda economia mondiale.

TAIWAN balza dell'1,5% dopo quattro sedute negative consecutive sulla scia del balzo di Tsmc dopo che la società ha registrato risultati trimestrali solidi.

SYDNEY sale dello 0,3% ai massimi da 20 mesi, grazie al balzo dei titoli minerari e alla chiusura forte di Wall Street ieri.

Bene, infine, anche la BORSA INDIANA al traino della società petrolifera a controllo dello Stato Ongc, che balza per la seconda giornata consecutiva sulle attese che l'aumento del prezzo del carburante diesel possa ridurre il peso dei sussidi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia