TI Media, Clessidra valuterebbe Opa se richiesto,senza alzare offerta-fonte

giovedì 17 gennaio 2013 11:11
 

MILANO (Reuters) - Clessidra non ha proposto per gli asset di TI Media un'offerta che contempli l'Opa sulla società, ma potrebbe considerare questa come altre ipotesi, se venissero chieste da Telecom, a patto di non cambiare l'esborso complessivo.

Lo dice a Reuters una fonte vicina all'operazione dopo che indiscrezioni stampa hanno rilanciato oggi la possibilità di un'Opa su TI Media, infiammando il titolo in borsa nel giorno in cui il Cda di Telecom valuterà nuovamente le offerte di Clessidra-Equinox e di Cairo.

"Nell'offerta di Clessidra non c'è Opa. Il fondo è aperto a valutare le opzioni suggerite da Telecom fermo restando che il prezzo non cambi", dice la fonte che non nasconde un certo scetticismo sull'esito dell'operazione.

E mentre il titolo sale di oltre il 4% a 0,163 euro dopo un picco a 0,1669 euro, anche gli analisti mostrano qualche dubbio.

"Il rialzo mi lascia perplesso. Posto che ci sia un'Opa (ma mi pare un ragionamento teorico), non è detto che arrivi a premio", commenta uno di loro. Quanto alle indiscrezioni stampa su una mancata vendita di TI Media e di un possibile aumento di capitale in capo a Telecom, l'analista commenta: "Con 200 milioni di debito atteso nel 2012 e oltre 100 milioni di perdite suggeriti dalla stampa, una ricapitalizzazione non mi stupirebbe". Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia