Borsa Milano chiude in lieve rialzo, bene Parmalat, giù Pirelli

venerdì 11 gennaio 2013 17:51
 

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in lieve rialzo una seduta caraterizzata da spunti limitati, in cui gli indici hanno oscillato tra denaro e lettera senza una precisa direzione.

Il successo dell'asta di titoli di Stato stamane e il nuovo restringimento del differenziale Btp/Bund sotto 250 punti base non hanno avuto influssi troppo rilevanti sull'azionario.

"Ormai appare chiaro che lo spread è rientrato in una fase di normalità, dunque è più marcato lo scollamento dell'obbligazionario dall'equity con conseguente riduzione dell'influenza del primo sul secondo" commenta un trader.

Dalle sale operative segnalano come la lieve flessione di stamane sia stato un ritracciamento dai recenti massimi e che il mood del mercato è poi rimasto improntato alla calma.

"Gli indici tirano il fiato dopo la crescita vista in questi primi giorni 2013. Si osserva qualche presa di profitto, ma niente di sostanziale" osserva un secondo dealer.

"Ci siamo mossi in un trading range di breve, è stata una seduta interlocutoria" gli fa eco il primo operatore.

L'indice FTSE Mib termina gli scambi a +0,29%, l'Allshare a +0,28%, mentre sono passati di mano volumi per 2 miliardi di euro.

Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 perde lo 0,17%.

* Trend incerto per i bancari che chiudono contrastati. UNICREDIT cede lo 0,37% mentre INTESA è positiva dello 0,74%. Tra gli altri, MEDIOBANCA è la migliore del comparto a +1,3%, seguita da POP EMILIA ed MPS. Negativa invece POP MILANO.   Continua...

 
Un uomo all'ingresso della Borsa di Milano in Piazza degli Affari, , 13 settembre 2012. REUTERS/Paolo Bona