Bce non ha discusso taglio tassi, vede segnali stabilizzazione

giovedì 10 gennaio 2013 17:22
 

MILANO (Reuters) - Il consiglio mensile Bce responsabile del verdetto sui tassi ne ha stabilita una conferma con un voto unanime. Lo ha fatto perché vede segnali di stabilizzazione e noramlizzazione pur in una congiunturale in cui l'economia della zona euro resta fragile.

Sono le parole di Mario Draghi e suonano assai diverse da quelle del mese scorso, quando i banchieri europei - sempre secondo quanto riferito dal presidente - hanno invece valutato seriamente l'ipotesi di un nuovo sconto sul costo del denaro.

"Per l'economia reale resta valida la diagnosi fatta dalle nostre proiezioni del mese scorso. Non c'è motivo di modificare lo scenario di medio termine per la stabilità dei prezzi ed è questa la ragione principale per cui la discussione del consiglio si è conclusa all'unanimità" spiega alla platea dei giornalisti.

"Se la decisione è stata unanime, questo naturalmente implica che non ci sono state richieste di un taglio dei tassi".

I rischi sulla crescita - recita secondo una formula ormai tradizionale il comunicato letto dal presidente - restano al ribasso e quelli sui prezzi sostanzialmente bilanciati.

E' però rispondendo alle domande della stampa che il tono si vivacizza e arriva il messaggio per lo meno in parte inedito.

"I rendimenti dei governativi e i 'cds' sovrani sono molto scesi, le borse sono migliorate, la volatilità viaggia su minimi storici e abbiamo visto massicci flussi di investimento in direzione della zona euro" spiega l'inquilino dell'Eurotower.

Per la zona euro, prosegue, la debolezza dell'economia dovrebbe protrarsi in vista però di una graduale ripresa sempre nel corso di quest'anno.

E' inoltre in atto, come quando le cose vanno bene, una fase di "contagio positivo".   Continua...

 
Immagine dell'euro con sfondo dell'Eurotower, sede Bce. Francoforte, 8 gennaio 2013. REUTERS/Kai Pfaffenbach