Forex, cautela su euro in attesa indicazioni Draghi in meeting Bce

giovedì 10 gennaio 2013 08:19
 

TOKYO (Reuters) - Euro lievemente sotto pressione questa mattina nonostante i buoni dati appena giunti sull'export cinese che tendono a sostenere un certo appetito per il rischio sul mercato e di conseguenza valute come il dollaro australiano.

Ma sul fronte euro domina l'attesa per il meeting Bce di oggi: se nessuna novità è attesa in sede di annunci, gli operatori non escludono che dalla conferenza stampa del presidente Mario Draghi possa emergere qualche indizio su un eventuale taglio del costo del denaro nel corso dell'anno.

"Il mercato ha prezzato qualche 'chance' che Draghi segnali la possibilità di un taglio dei tassi a un certo punto. Se non lo fa l'euro potrebbe allora tornare a trovare un po' di acquisti" afferma un trader giapponese.

Alle 8,00 italiane l'euro/dollaro tratta a 1,3055 da 1,3063 dell'ultima chiusura, di nuovo in vista del minimo da tre settimane di 1,2998 di venerdì scorso.

D'altra parte resta ancora debole lo yen, che naviga vicino ai minimi da due anni e mezzo sul dollaro sulle speculazioni di nuovi interventi di espansione monetaria da parte della Bank of Japan nel prossimo meeting del 21-22 gennaio.

Il cambio dollaro/yen tratta in area 88,15 da 87,87 dell'ultima chiusura, in riavvicinamento al massimo (minimo per lo yen) di 88,48 di venerdì, dopo aver annullato gran parte del recupero messo a segno ad inizio settimana.

Euro/yen a 115,05 da 114,78.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il presidente della Bce Mario Draghi a Bruxelles 12 dicembre 2012. REUTERS/Francois Lenoir