Borse Europa poco mosse, mercato consolida dopo recenti rialzi

martedì 8 gennaio 2013 10:26
 

PARIGI (Reuters) - Borse europee recuperano terreno dopo un avvio in cauto ribasso, penalizzate dalle vendite su banche e titoli minerari con il mercato che continua a consolidare le posizioni dopo i recenti rialzi. La bassa volatilità segnala che pochi si attendono una correzione più marcata.

Intorno alle 10 l'indice FTSEurofirst 300 è invariato, mentre Londra e Parigi salgono rispettivamente dello 0,11% e dello 0,15%; Francoforte perde, invece, lo 0,16%.

"Nel breve termine vedremo un consolidamento nel mercato e in alcuni settori che sono saliti molto nelle ultime settimane, come le banche", osserva un trader. Il ribasso dovrebbe comunque essere di breve durata per le borse europee prima di riprendere nuovamente terreno.

La volatilità sullo Euro STOXX 50, come rilevato dall'Euro stoxx 50 volatility index, resta vicino ai minimi da diversi anni intorno a 16,80.

In un report Cheuvreux scrive che i mercati europei sono pronti per una correzione nel primo trimestre dell'anno perché il rally che dura da sette mesi sta esaurendo la sua forza propulsiva e verrà intaccato dalle turbolenze politiche negli Stati Uniti e in Italia.

I titoli in evidenza oggi:

* AIR FRANCE-KLM perde l'1,5% dopo l'annuncio dei dati sul traffico di passeggeri, stabili a dicembre e in crescita del 2,1% nel 2012; in discesa il traffico cargo (-6,3%).

* Telefonici positivi in Europa trascinati dal balzo di circa il 3% di VODAFONE sulle indiscrezioni, secondo i trader, che il gruppo Usa Verizon possa comprare la quota di Vodafone in Verizon Wireless.

* Banche in recupero dopo un avvio debole con l'indice settoriale europeo in lieve rialzo. UNICREDIT e SOCGEN sono in progresso di circa l'1%.

* Il titolo MCBRIDE perde il 2,6% dopo l'annuncio di ricavi in calo del 6%, in linea con le attese, e la previsione di attività in contrazione in Europa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Operatori di borsa durante una seduta. REUTERS/Brendan McDermid