Borse Asia-Pacifico in rialzo, borse cinesi toniche su attese riforme

venerdì 28 dicembre 2012 08:38
 

MILANO (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico procedono in rialzo, sfruttando la scia dello sprint di Tokyo, ma frenate dall'attesa sull'esito delle trattative negli Usa per evitare il cosiddetto 'fiscal cliff'.

Attorno alle 8,10 italiane, l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, guadagna circa mezzo punto percentuale.

* HONG KONG poco mossa, pur confermandosi sui massimi degli ultimi diciassette mesi. In volo le società finanziarie diverse dalle banche, sull'attesa di riforme nel nuovo anno che rendano più snello il settore, come anticipato dalla Banca Popolare Cinese. Balzo per Citic Securities. Tonica Prada.

* Decisamente più vivace l'altra piazza cinese, SHANGHAI. In fermento, come detto, il settore finanziario. Ma le riforme, secondo le anticipazioni del China Securities Journal, potrebbero toccare anche il settore automobilistico: ne beneficia Saic Motor.

* SINGAPORE arranca, sebbene Olam International corra: il trader di materie prime ha registrato l'incremento della partecipazione del fondo sovrano Temasek Holdings.

* In rialzo TAIWAN. Fubon Financial ha guadagnato il 2,48% dopo l'acquisizione di una partecipazione dell'80% nella banca cinese Firstsino Bank per 1,03 miliardi di dollari. Nell'intero 2012, il listino di Taipei è salito del 9% circa.

* SEUL in linea con le altre borse dell'area. Quest'anno l'azionario coreano ha registrato un progresso del 9,4%. Samsung Electronics, che pesa per circa un quinto dell'indice Kospi, oggi è salita dell'1,74%.

* SYDNEY positiva, sui massimi da diciannove mesi. Ricoperture sulle società minerarie. L'indice S&P/ASX 200 si appresta a chiudere l'anno con un progresso del 15% circa, migliore performance annuale dal 2009.

* MUMBAI allineata al clima generale dell'area. In evidenza le società petrolifere: secondo quanto riportato dall'Economic Times, il ministero del Petrolio ha proposto un graduale aumento dei prezzi del diesel. Corrono Hindustan Petroleum, India Oil Corp, Bharat Petroleum e Oil and Natural Gas.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia