Legge Stabilità, caos in Senato su addizionale Irpef

mercoledì 19 dicembre 2012 19:43
 

ROMA (Reuters) - Caos in Senato sulla parte della manovra che riguarda le addizionali regionali Irpef.

La legge di Stabilità, nel testo uscito dalla commissione Bilancio del Senato, rimanda al 2014 tutta una serie di disposizioni previste dal decreto legislativo sul fisco regionale.

Secondo il relatore del Pd, Giovanni Legnini, Palazzo Madama si è limitato a sospendere per tutto il prossimo anno la facoltà che le Regioni hanno di rimodulare l'addizionale Irpef e introdurre agevolazioni per famiglie e redditi bassi.

"Ci hanno chiesto di tenere le bocce ferme per un anno. La somma dei tagli pevisti dalla spending review e dalla legge di Stabilità mette a rischio i conti della sanità", spiega Legnini.

Alcuni senatori propongono tuttavia una tesi opposta: la misura, per come è scritta, potrebbe consentire ai governatori di aumentare l'addizionale oltre 0,5 punti percentuali.

Da cosa deriva questa interpretazione? Il decreto sul fisco regionale vieta ai governatori di aumentare l'addizionale oltre mezzo punto nel caso si sia disposta la riduzione dell'Irap. La manovra rimanda al 2014 anche l'applicazione di questo divieto. E tra i senatori c'è chi sostiene che, saltando il tetto di 0,5 punti, le Regioni di fatto abbiano mano libera per disporre maggiorazioni superiori.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia