Btp, spread torna a minimi da marzo su caccia a rendimenti

mercoledì 19 dicembre 2012 15:39
 

MILANO (Reuters) - Lo spread tra Btp e Bund a dieci anni scende sotto il minimo toccato prima del ritiro della fiducia del Popolo della Libertà all'esecutivo, che ha poi spinto il premier Mario Monti ad annunciare le proprie dimissioni, e si riporta ai minimi dal 21 marzo scorso.

"Ci sono acquisti su tutta la curva. Ci sono una serie di notizie positive che stanno spingendo gli hedge fund a buttarsi sugli asset rischiosi", dice un dealer da Milano, che parla di volumi limitati, ma "non risibili per la media di questo periodo dell'anno".

Il differenziale di rendimento, che ieri sera aveva chiuso a 304 punti base, è sceso fino a 292 punti base, sotto il minimo di 298 punti base segnato il 4 dicembre, due giorni prima dello strappo del Pdl.

Si è così riportato ai minimi dal 21 marzo scorso, quando aveva segnato 283 punti base. Il tasso del decennale italiano è sceso al 4,36%, minimo da dicembre 2010.

E questo nonostante Mario Monti non abbia chiarito ancora le intenzioni riguardo il proprio futuro e ci sia il rischio di allungamento dei tempi per l'approvazione della legge di Stabilità.

"In questo momento il mercato è del tutto insensibile all'evoluzione della situazione politica italiana. Gli investitori sono a caccia di rendimenti, e ci sono alcune notizie che li stanno incentivando", dice un dealer, che cita la decisione della Banca centrale europea di riammettere i titoli greci nel novero degli asset consegnabili dalla banche per ottenere finanziamenti da Francoforte [ID.nL5E8NJAUM].

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Traders a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid