Borse Asia Pacifico miste, Shanghai vola dopo dati Pmi

venerdì 14 dicembre 2012 08:48
 

TOKYO (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono contrastate, da una parte sostenute dai dati relativi al settore manifatturiero cinese e dall'altra penalizzate dai timori sui progressi delle trattative negli Usa per evitare il "fiscal cliff".

Le aspettative di ulteriore allentamento monetario da parte della Banca del Giappone la prossima settimana a supporto dell'economia debole hanno spinto lo yen a un minimo di quasi nove mesi contro il dollaro e di otto mesi nei confronti dell'euro, aiutando la borsa di Tokyo a recuperare il calo della prima parte della seduta.

Intorno alle 8,20 l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico è piatto. Il Nikkei, non compreso nell'indice, ha chiuso in frazionale calo dello 0,05%.

La borsa di SHANGHAI fa decisamente meglio delle controparti asiatiche dopo che il Pmi flash a cura di Hsbc per dicembre ha segnato un record di 14 mesi, attestandosi a 50,9, mostrando una ripresa del vasto settore manifatturiero cinese e delineando prospettiva economiche più rosee per i prossimi mesi.

Il dato segue altri recenti indicatori che hanno segnalato una spinta per l'attività economica della Cina nel quarto trimestre dopo il rallentamento subito per sette trimestri consecutivi.

Lo Shanghai Composite Index balza di oltre il 4%, spinto anche da speculazioni di acquisti istituzionali sostenuti dal governo sui mercati continentali, mentre Hong Kong guadagna lo 0,6%.

Più tranquilla SINGAPORE, che comunque avanza dello 0,2% portando a otto il numero consecutivo di sedute con il segno più, guidata da Global Logistic Properties in uno scenario rasserenato dai dati cinesi.

Segno meno invece per TAIWAN, che ritraccia dai massimi di chiusura di quasi tre mesi con una marcia indietro generalizzata di tecnologici e finanziari.

Il Pmi della Cina aiuta SEOUL a recuperare parte delle perdite iniziali ma non a riconquistare il segno più, anche se il bilancio della settimana è positivo per la quarta volta di fila.   Continua...