Fisco, Grilli non esclude intesa con Svizzera

martedì 11 dicembre 2012 15:06
 

ROMA (Reuters) - Il confronto fra Italia e Svizzera in materia fiscale resta aperto e il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, non esclude che si possa giungere a un accordo nonostante le dimissioni annunciate di Mario Monti.

"Non siamo ancora arrivati a una conclusione. Siamo convinti che non si debbano fare accordi a tutti i costi. Non siamo ancora ad un accordo, speriamo di arrivarci", ha detto il ministro nel corso di un'audizione alla Camera, specificando che l'Italia vuole ottenere garanzie sul fronte della trasparenza.

Roma e Berna stanno negoziando un'intesa per tassare i capitali italiani illecitamente depositati in Svizzera.

La Svizzera ha proposto uno schema di accordo chiamato Rubik, dal nome dell'inventore del famoso cubo, che prevede un condono sulle imposte evase in passato.

"Lo schema Rubik ha bisogno di qualche piccola revisione. Anche la Germania ha avuto dei ripensamenti", ha detto il ministro ricordando che il Bundesrat, la Camera dei Lander tedeschi, ha bocciato l'intesa ratificata dal governo di Angela Merkel con la Confederazione elvetica.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il ministro dell'Economia Vittorio Grilli. REUTERS/Edgard Garrido