Parmalat, perquisizioni e sequestri su Lactalis America

martedì 11 dicembre 2012 16:54
 

MILANO/PARMA (Reuters) - Oggi sono state effettuate perquisizioni e sequestri nei confronti di Parmalat, Lactalis Italia, Pricewaterhouse Coopers, Mediobanca e dello studio legale d'Urso Gatti e Bianchi nell'ambito dell'inchiesta penale sull'acquisizione di Lactalis America da parte della società parmense.

Il reato per cui si procede, secondo una nota della Guardia di Finanza, è appropriazione indebita con l'aggravante dell'abuso di autorità o relazioni di ufficio.

Fonti investigative e giudiziarie riferiscono che al momento alcune persone risultano essere iscritte sul registro degli indagati.

Una delle fonti sottolinea che non sono iscrizioni a tappeto, ma mirate a figure di spicco che dalle indagini risultano più coinvolte nelle operazioni contestate.

Le fonti aggiungono che tra le aggravanti c'è anche quella di danno patrimoniale grave.

Parmalat e la controllante francese Lactalis non hanno commentato.

L'inchiesta nasce da un esposto ai pm di Parma da parte della Consob che aveva ipotizzato che, con l'acquisizione di Lactalis America, la francese Lactalis (che l'anno scorso ha assunto il controllo del gruppo di Collecchio) avesse creato un danno a Parmalat. Per l'acquisizione Parmalat ha versato alla capogruppo Lactalis 905 milioni di euro provenienti dai fondi - 1,5 miliardi di euro - che l'ex AD della società di Collecchio Enrico Bondi aveva accumulato con le azioni risarcitorie contro le banche.

Parmalat ha sempre sostenuto che l'operazione è stata effettuata nell'interesse della società.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Confezioni di latte Parmalat al supermercato. REUTERS/Max Rossi