Borse Asia Pacifico poco mosse, ma restano su max sedici mesi

giovedì 6 dicembre 2012 08:46
 

MILANO (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico procedono incerte, ma si confermano sui massimi degli ultimi sedici mesi.

Gli investitori accolgono con favore le parole del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che ha definito possibile in "una settimana circa" raggiungere un accordo per evitare il cosiddetto 'fiscal cliff'.

Attorno alle 8,10 italiane, l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, è sostanzialmente invariato.

* HONG KONG poco mossa. I produttori di bevande alcoliche sono sotto pressione per via dei timori riguardanti la presenza di sostanze tossiche nei prodotti di Kweichow Moutai. Tonica Prada.

* Sulla stessa lunghezza d'onda l'altra piazza cinese, SHANGHAI. In fermento il settore finanziario: l'autorità di vigilanza sulle assicurazioni ha abolito il divieto imposto alle compagnie cinesi di investire in più di due banche con partecipazioni superiori al 5%. Ne beneficia soprattutto Beijing Bank.

* SINGAPORE arranca, zavorrata da Olam International: il trader di materie prime risente dei timori sull'impatto di un aumento di capitale da 1,2 miliardi di dollari.

* In calo TAIWAN, che ha pagato dazio all'andamento dei tecnologici. In controtendenza Largan Precision (+7%): il fornitore di Apple ha archiviato il mese di novembre con vendite record.

* SEUL in linea con le altre borse dell'area, sui massimi da sette settimane. Male Samsung Electronics e LG Electronics: la Commissione Ue ha imposto alle due società coreane e ad altri quattro gruppi una sanzione di 1,47 miliardi di euro per aver orchestrato un cartello nei tubi catodici.

* SYDNEY in rosso, appesantita dal settore bancario. Gli investitori temono che la banca centrale possa non aver fatto abbastanza per rilanciare la crescita interna.

* MUMBAI debole. Male i tecnologici, come Infosys e Tata Consultancy Services. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia