Aston Martin, Mahindra vuole chiudere a breve, Investindustrial attende

martedì 27 novembre 2012 10:22
 

MUMBAI (Reuters) - Il gruppo indiano Mahindra e Mahindra punta a chiudere entro la fine della settimana l'acquisizione del 50% di Aston Martin.

Mahindra, che è focalizzata sulla produzione di trattori, deve vedersela con l'operatore di private equity italiano Investindustrial.

"Ci sono parecchie cose che si stanno muovendo", dice una persona a conoscenza della materia.

Secondo la fonte, gli indiani dovrebbero inizialmente acquisire il 40% della casa inglese che produce auto di lusso, per poi salire al 50%, con un investimento complessivo che non dovrebbe superare i 400 milioni di dollari.

Dar, investment company del Kuwait, ha acquisito Aston Martin da Ford nel 2007. L'attuale proprietario della casa britannica - nota, tra l'altro, perché vi sfreccia al volante James Bond - domenica scorsa ha negato di essere in trattative con potenziali compratori. Ma diverse fonti confermano l'interesse di Mahindra e Investindustrial, sebbene vi siano nodi da sciogliere riguardanti il controllo manageriale.

Secondo una fonte, Investindustrial ha messo sul piatto tra 200 e 250 milioni di sterline per il 50%. L'investment company guidata da Andrea Bonomi ha sviluppato un'expertise nel settore dell'automotive, soprattutto nel segmento dei marchi di lusso, con la ristrutturazione di Ducati, ceduta quest'anno ad Audi.

L'anno scorso, Aston Martin ha venduto 4.200 auto. Secondo gli analisti, il marchio, per quanto prestigioso, ha bisogno di rilanciarsi e adattarsi alle nuove esigenze del mercato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia