Petrolio, Brent scivola sotto 111 dollari dopo tregua Gaza

giovedì 22 novembre 2012 14:48
 

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni del greggio scivolano sotto quota 111 dollari il barile stamani: si attenuano infatti i timori per le forniture dopo che è entrato in vigore il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza [ID:nL5E8MLC5E] [ID:nL5E8MM2GN]; ma l'incertezza sulla tenuta della tregua e una ripresa del settore manifatturiero in Cina [ID:nL5E8MM1G5] offrono supporto ai prezzi.

Anche se Israele non è un esportatore di greggio, il timore che i paesi produttori del Golfo possano finire coinvolti nel conflitto intorno a Gaza ha alimentato preocccupazione per interruzioni alle forniture.

Intorno alle 11,45 il derivato sul Brent perde 21 centesimi a 110,65 dollari il barile dopo aver toccato un massimo di seduta di 111,17 dollari. Il futures sul greggio Usa viaggia invariato a 87,33 dollari il barile.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Un oleodotto in un'immagine d'archivio. REUTERS/Atef Hassan/Files