Impregilo, vertici Salini e Amber indagati per aggiotaggio

martedì 20 novembre 2012 18:46
 

MILANO (Reuters) - Pietro Salini, amministratore delegato di Impregilo e Salini, Massimo Ferrari, direttore affari generali di Salini, e Joseph Oughourliam, co-fondatore del fondo Amber, sono indagati dalla procura di Milano per aggiotaggio nell'ambito di un'inchiesta sulle assemblee che hanno portato al cambio nel controllo di Impregilo.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, precisando che è indagato anche Umberto Mosetti, rappresentante in Italia di Amber.

L'inchiesta era partita da una segnalazione del gruppo Gavio su un presunto patto occulto.

Pietro Salini è indagato dal mese scorso dalla procura di Milano per presunta omessa dichiarazione di interesse concorrente in merito alla partecipazione ad una gara per alcuni lotti stradali in Romania, a cui hanno partecipato Impregilo e Salini.

In una nota Pietro Salini denuncia "ancora una volta la diffusione di notizie afferenti ad indagini, ovvero ad accertamenti di autorità, su pedissequo impulso di esposti e denunce ad opera di Igli, Astm e, in definitiva, del gruppo Gavio".

Secondo Salini, "tali irresponsabili azioni da parte di un socio rilevante di Impregilo, lesive dell'interesse di tutti i soci e della credibilità internazionale della società, troveranno conclusione con l'accertamento dei fatti e verranno doverosamente perseguite nelle sedi opportune". - Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia