Forex, dollaro in calo dopo vittoria Obama, pesa 'fiscal cliff'

mercoledì 7 novembre 2012 10:45
 

LONDRA (Reuters) - Il dollaro ha registrato un ampio calo in reazione alla vittoria di Barack Obama nella corsa alla presidenza Usa, vittoria che indica che la politica monetaria accomodante della Fed, con il 'quantitative easing', continuerà.

A pesare sul dollaro, anche l'atteso "fiscal cliff", circa 600 miliardi di dollari di tagli automatici alla spesa e aumento delle tasse attesi in gennaio. Inoltre, con le due camere del Congresso controllate ciascuna da una delle due parti politiche, permane anche un certo rischio di paralisi politica.

"Ci aspettiamo che il fiscal cliff venga finalmente tagliato a circa 200 miliardi di dollari. L'economia Usa sarà probabilmente piuttosto buona fino alla fine dell'anno, quindi lo scenario principale per il dollaro è di salire in area 82 yen" dice Masafumi Yamamoto, strategist a Barclays.

L'euro si è apprezzato sul dollaro fino a raggiungere quota 1,2876.

"Il mercato non è più preoccupato su una frammentazione della zona euro. L'euro è sotto pressione ma è un normale deprezzamento dovuto a una mediocre performance economica" dice Yunosuke Ikeda, strategist a Nomura Securities.

Sul fronte politico europeo, l'attenzione sarà rivolta al voto del Parlamento greco sul pacchetto di misure, tagli e riforma del mercato del lavoro necessario per lo sblocco della prossima tranche di aiuti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Un operatore lavora davanti agli schermi. REUTERS/Brendan McDermid