Usa, creazione occupazione ottobre oltre stime, Obama incassa

venerdì 2 novembre 2012 16:19
 

WASHINGTON (Reuters) - Il mercato del lavoro negli Stati Uniti mostra segnali di deciso miglioramento. E fornisce un aiuto a Barack Obama per centrare l'obiettivo della rielezione alla Casa Bianca.

A ottobre, infatti, secondo quanto comunicato dal dipartimento del Lavoro, le buste paga sono aumentate di 171.000 unità, a fronte di un'attesa di +125.000.

Contestualmente, sono stati rivisti i dati di settembre (+148.000, mentre in precedenza era +114.000) e agosto (+192.000, contro +142.000 precedente).

Il tasso di disoccupazione si è attestato al 7,9%, in linea con le stime, mentre a settembre era al 7,8% (7,8% il dato precedente). L'incremento dello 0,1% è conseguenza del rientro di diverse persone (578.000) nella categoria di quanti sono in cerca di occupazione.

"Queste cifre sono coerenti con il quadro che si va delineando di una ripresa economica che sta continuando a ritrovare forza", commenta Millan Mulraine, senior strategist per gli Usa di TD Securities, a Toronto.

Obama, dunque, si presenterà agli elettori, martedì prossimo, con in tasca il dato sulla creazione di posti di lavoro.

Gli ultimi sondaggi indicano che il presidente uscente e lo sfidante, il repubblicano Mitt Romney, sono testa a testa.

Posto che da qui all'appuntamento elettorale non sono in calendario altri dati macroeconomici di peso, Obama potrà sfruttare la scia dei numeri odierni, particolarmente significativi, perché il mercato del lavoro è stato al centro della campagna elettorale.

Glenn Hubbard, consigliere economico di Romney, parlando con la Cnbc ha sminuito il dato: "Davvero forte è un numero come 250.000-300.000 posti di lavoro in un mese. Semplicimente, questo non è abbastanza buono".   Continua...

 
Il presidente Usa Barack Obama durante un comizio. REUTERS/Larry Downing (UNITED STATES - Tags: POLITICS ELECTIONS USA PRESIDENTIAL ELECTION)