Italia e Svizzera aprono dialogo su tassazione capitali

mercoledì 9 maggio 2012 18:47
 

MILANO/ROMA (Reuters) - Italia e Svizzera chiudono la vertenza sui lavoratori transfrontalieri e avviano il confronto su un modello di convenzione fiscale per regolarizzare i capitali illecitamente detenuti in territorio elvetico da contribuenti italiani.

Lo dicono il ministero dell'Economia italiano e il Dipartimento fiscale elvetico, che annunciano nei prossimi giorni un incontro a Roma tra il presidente del Consiglio Mario Monti e il presidente della Confederazione, Eveline Widmer-Schlumpf.

Un "gruppo di pilotaggio" si riunirà a partire dal 24 maggio 2012 per risolvere le "questioni pendenti", spiega via XX settembre in una nota.

La convenzione fa riferimento allo schema Rubik e prevede che Berna faccia da sostituto di imposta per Roma.

La Svizzera ha già firmato accordi di ritenuta alla fonte con Germania, Gran Bretagna e Austria e Widmer-Schlumpf ha confermato oggi, nel corso di una conferenza stampa, che un'intesa con l'Italia assumerà una forma analoga.

Intanto l'Italia incassa "con soddisfazione" il ripristino dei ristorni fiscali sui lavoratori transfrontalieri, dice il Tesoro nella nota.

Il Canton Ticino aveva smesso di retrocedere ai comuni italiani di frontiera il gettito riscosso sul reddito degli italiani che lavorano in Svizzera come ritorsione per le due ultime edizioni dello scudo fiscale, che tra settembre del 2009 e aprile del 2010 hanno portato all'emersione di oltre 66 miliardi di euro detenuti da italiani in Svizzera.

Berna ha fatto del segreto bancario uno strumento fondamentale per sostenere l'industria della ricchezza offshore, ma negli ultimi anni è finita nel mirino di diversi governi europei, che puntano sulla lotta all'evasione fiscale per compensare il mancato gettito dovuto alla recessione.

Secondo Franco Narducci, deputato del Pd eletto nelle circoscrizioni estere e residente in Svizzera, i ristorni valgono "50 milioni di euro l'anno, un gettito di vitale importanza per i comuni di frontiera".   Continua...

 
Italia e Svizzera chiudono la vertenza sui lavoratori transfrontalieri e avviano il confronto su un modello di convenzione fiscale per regolarizzare i capitali illecitamente detenuti in territorio elvetico da contribuenti italiani. REUTERS/Arnd Wiegmann