Pensioni, Giarda: nessun ripristino regime favore per manager Pa

mercoledì 9 maggio 2012 14:46
 

ROMA (Reuters) - Il governo non ha intenzione di riproporre alla Camera il regime di favore sugli assegni pensionistici dei dirigenti pubblici, norma inizialmente contenuta nel decreto sulle commissioni bancarie e stralciata durante l'esame del testo a Palazzo Madama.

Lo chiarisce in una nota il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda.

Stamani il deputato del Pdl, Maurizio Leo, aveva annunciato che il sottosegretario al Tesoro, Gianfranco Polillo, aveva formulato alla Commissione Finanze della Camera la richiesta di ripristinare la norma sui manager nel decreto in esame.

"Il governo ha sostenuto in tutte le sedi che intende confermare il testo del decreto approvato al Senato senza ulteriori interventi", scrive Giarda.

Durante l'esame in prima lettura il Senato ha abrogato, contro il parere del governo, un articolo che integrava la manovra nella parte riguardante il contributo di solidarietà per gli stipendi dei manager pubblici superiori ai 300.000 euro annui. La misura stabiliva che la riduzione era ininfluente ai fini della pensione per la parte calcolata con il metodo retributivo.

L'obiettivo del governo era evitare potenziali contenziosi attraverso la norma.

Qualora la Camera modificasse il testo, il decreto dovrebbe tornare in Senato per la terza lettura a ridosso del termine di decandenza, il 23 maggio prossimo.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
IUna immagine di archivio di Piero Giarda. REUTERS/Tony Gentile