Imprese Italia, in trim1 oltre 3.000 fallimenti, +4,2% - Cerved

martedì 8 maggio 2012 18:16
 

MILANO (Reuters) - Nei primi tre mesi del 2012 sono oltre 3.000 imprese italiane hanno avviato le procedure per il fallimento, con un incremento del 4,2% rispetto a quanto osservato nei primi tre mesi dell'anno scorso.

E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio trimestrale sulla crisi d'impresa di Cerved Group, in cui si evidenzia come la crescita del default sia una tendenza che non conosce tregua da quasi quattro anni.

"L'unico e timido segnale positivo si osserva nei dati destagionalizzati: tra gli ultimi tre mesi del 2011 e i primi tre del nuovo anno, il numero di fallimenti corretto per i fenomeni di stagionalità e di calendario risulta in calo dell'1,1%, tenendosi comunque a livelli ben più elevati rispetto a quelli pre�crisi" si legge nel report.

Il settore maggiormente colpito è quello dell'edilizia, che nei primi tre mesi di quest'anno ha registrato un aumento dei fallimenti dell'8,4% rispetto al 2011. In aumento i default nel terziario (+4,1%) mentre timidi segnali positivi arrivano dall'industria, dove i default registrano un calo del 7,2% rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno.

A livello territoriale, è il centro la zona a registrare il dato peggiore, con un aumento delle procedure fallimentari del 12,7%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia