Premafin, procura guarda a società lussemburghesi figli Ligresti

venerdì 20 aprile 2012 17:13
 

MILANO (Reuters) - Nell'ambito dell'inchiesta su Premafin la procura di Milano farà verifiche anche sul comportamento di tre società lussemburghesi dei figli di Ligresti in relazione all'andamento borsistico dei titoli della società holding.

Lo hanno riferito oggi fonti giudiziarie.

Le tre società - Canoe, Hilke e Limbo - detengono ciascuna circa il 10% di Premafin.

Ieri la Guardia di Finanza ha eseguito il sequestro delle azioni Premafin in mano a due trust esteri, pari al 20% della società, disposto dal gip nell'ambito dell'inchiesta condotta dal pm Luigi Orsi per manipolazione del mercato in cui risulta indagato Salvatore Ligresti, patron del gruppo Premafin-Fonsai.

Nel decreto di sequestro, visionato da Reuters, si legge che "Ligresti e (Giancarlo) De Filippo ponevano in essere una manipolazione del mercato delle azioni di Premafin nella forma di acquisti di tali azioni effettuati nelle aste di chiusura del Mta dalle società Darlis Anstalt, Ulero Anstalt, Alembert Associates e Okanda Stiftung, società riferite ai trust esteri The Heritage Trust e The Ever Green Trust, soggetti che occultano l'interesse della famiglia Ligresti, socio di controllo di Premafin".

Queste operazioni, si legge ancora nel decreto, "erano idonee a sostenere artificiosamente ed in via continuativa nell'arco dell'intero periodo tra il 2 novembre 2009 e il 16 settembre 2010 il prezzo dell'asta della chiusura, nonché il prezzo ufficiale. Così operando provocavano una sensibile alterazione del prezzo delle azioni Premafin, laddove - in conseguenza della manovra fraudolenta - facevano artificiosamente divergere il corso di mercato delle azioni Premafin (-28%) rispetto al net asset value (-62%)".

(Sara Rossi) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia